Orientamento

Geografia Che cos'è la Geografia? Quaderno delle discipline: pag. 183 Orientamento Nell'antichità, gli uomini che viaggiavano alla scoperta di nuove terre o alla ricerca di nuove rotte commerciali non potevano fare affidamento su punti di riferimento occasionali, in quanto i luoghi in cui si trovavano erano a loro completamente sconosciuti. Scoprirono quindi che la posizione del Sole nel cielo durante il giorno e la posizione delle stelle di notte potevano rappresentare dei validi punti di riferimento per orientarsi. Orientarsi con il Sole Il Sole ogni giorno sembra percorrere nel cielo un percorso preciso. Osservando questo percorso, gli uomini hanno stabilito quattro punti di riferimento fissi fondamentali per orientarsi: i punti cardinali. I punti cardinali sono: est (o oriente o levante) indica il punto in cui sorge il Sole; ovest (o occidente o ponente) indica il punto in cui il Sole tramonta. Ovest è nel punto opposto a Est; sud (o mezzogiorno o meridione) indica il punto in cui si trova il Sole a mezzogiorno (a metà del suo cammino nel cielo); nord (o mezzanotte o settentrione) indica il punto opposto al sud. Come ci si orienta Orientarsi, cioè "trovare l'oriente", è molto facile. Prova anche tu. A mezzogiorno vai all'aperto e volgi le tue spalle al Sole. Sul terreno si proietterà la tua ombra in direzione nord. Alle tue spalle, quindi, ci sarà il sud. Ora allarga le braccia: a sinistra potrai individuare l'ovest e a destra l'est. Orientarsi con... ...le stelle Di notte è possibile orientarsi osservando le stelle. La stella che si utilizza come punto di riferimento per l'orientamento è la Stella Polare. Essa appartiene a un gruppo di stelle a forma di carro, la costellazione dell'Orsa Minore. La Stella Polare è molto luminosa ed è un punto di riferimento preciso, perché indica sempre il nord. ...la bussola Per orientarsi si può usare anche la bussola. La bussola è uno strumento costituito da un ago calamitato che ruota su un quadrante su cui vi sono segnati i punti cardinali. In qualsiasi punto della Terra ci si trovi, l'ago della bussola ruota fino a puntare verso il nord. Questo avviene perché il Polo Nord del nostro pianeta è magnetico e attira l'ago calamitato. ...le carte Le carte geografiche sono molto utili anche per orientarsi. Su ogni carta, infatti, sono sempre indicati i quattro punti cardinali: in questo modo puoi orientare la carta nella direzione giusta e seguire le indicazioni dei cartografi per raggiungere la tua destinazione. 1. Ovest L'ovest o occidente è a sinistra. 2. Nord Il nord o settentrione è in alto. 3. Est L'est o oriente è a destra. 4. Sud Il sud o meridione è in basso. IMPARO a studiare → Comprendo il testo Segna con una X la risposta giusta. Per orientarci usiamo: il Sole. la Luna. le montagne. Il Sole tramonta a: ovest. nord. est. Per orientarci di notte usiamo: la Luna. la Stella Polare. non ci si orienta di notte. La bussola indica sempre: il nord. il sud. un punto diverso ogni volta.

Geografia Che cos'è la Geografia?

Quaderno delle discipline: pag. 183

Orientamento

Nell'antichità, gli uomini che viaggiavano alla scoperta di nuove terre o alla ricerca di nuove rotte commerciali non potevano fare affidamento su punti di riferimento occasionali, in quanto i luoghi in cui si trovavano erano a loro completamente sconosciuti. Scoprirono quindi che la posizione del Sole nel cielo durante il giorno e la posizione delle stelle di notte potevano rappresentare dei validi punti di riferimento per orientarsi.

Orientarsi con il Sole

Il Sole ogni giorno sembra percorrere nel cielo un percorso preciso. Osservando questo percorso, gli uomini hanno stabilito quattro punti di riferimento fissi fondamentali per orientarsi: i punti cardinali.

I punti cardinali sono:


  •  est (o oriente o levante) indica il punto in cui sorge il Sole;
  •  ovest (o occidente o ponente) indica il punto in cui il Sole tramonta. Ovest è nel punto opposto a Est;
  •  sud (o mezzogiorno o meridione) indica il punto in cui si trova il Sole a mezzogiorno (a metà del suo cammino nel cielo);
  •  nord (o mezzanotte o settentrione) indica il punto opposto al sud.

Come ci si orienta

Orientarsi, cioè "trovare l'oriente", è molto facile. Prova anche tu.

A mezzogiorno vai all'aperto e volgi le tue spalle al Sole. Sul terreno si proietterà la tua ombra in direzione nord. Alle tue spalle, quindi, ci sarà il sud. Ora allarga le braccia: a sinistra potrai individuare l'ovest e a destra l'est.

Orientarsi con...

...le stelle

Di notte è possibile orientarsi osservando le stelle.

La stella che si utilizza come punto di riferimento per l'orientamento è la Stella Polare. Essa appartiene a un gruppo di stelle a forma di carro, la costellazione dell'Orsa Minore. La Stella Polare è molto luminosa ed è un punto di riferimento preciso, perché indica sempre il nord.

...la bussola

Per orientarsi si può usare anche la bussola. La bussola è uno strumento costituito da un ago calamitato che ruota su un quadrante su cui vi sono segnati i punti cardinali. In qualsiasi punto della Terra ci si trovi, l'ago della bussola ruota fino a puntare verso il nord. Questo avviene perché il Polo Nord del nostro pianeta è magnetico e attira l'ago calamitato.

...le carte

Le carte geografiche sono molto utili anche per orientarsi. Su ogni carta, infatti, sono sempre indicati i quattro punti cardinali: in questo modo puoi orientare la carta nella direzione giusta e seguire le indicazioni dei cartografi per raggiungere la tua destinazione.

IMPARO  a  studiare → Comprendo il testo

 Segna con una X la risposta giusta.


Per orientarci usiamo:

  il Sole.

  la Luna.

  le montagne.


Il Sole tramonta a:

  ovest.

  nord.

  est.


Per orientarci di notte usiamo:

  la Luna.

  la Stella Polare.

  non ci si orienta di notte.


La bussola indica sempre:

  il nord.

  il sud.

  un punto diverso ogni volta.