L'antagonista e l'aiutante: Mignolina

La fiaba L'antagonista e l'aiutante Rifletto sulla lingua Z Sottolinea nel testo in verde gli aggettivi qualificativi e in rosso i nomi a cui si riferiscono. Z Indica con una la risposta corretta. I nomi Mignolina semino lettino pesciolino omino donnina di che tipo sono? Primitivi. Alterati. Derivati. 42 Mignolina C'era una volta una donna che desiderava molto avere una bambina, ma non sapeva come fare. Così, un giorno, chiese aiuto a una strega. - Prendi questo semino, mettilo in un vaso, aspetta e vedrai! - La donna fece come aveva detto la strega e subito crebbe un bel ore grande. - Che bel ore! - disse la donna e poi baciò i petali. In quell'istante, il ore si aprì e lì in mezzo, sul pistillo verde, c'era una bambina piccolissima, delicata e graziosa. Non era più grande di un mignolo e perciò venne chiamata Mignolina. Come culla ebbe un bel guscio di noce laccato, petali di viola azzurra erano il suo materasso e un petalo di rosa la coperta. Una notte, un rospo femmina, saltando dalla nestra socchiusa, la vide e pensò: Sarebbe un'ottima moglie per mio glio . Prese il guscio di noce in cui Mignolina dormiva e lo depose su una larga foglia di ninfea che galleggiava sul torrente. Come pianse Mignolina, appena scoprì dove si trovava! Allora i pesciolini del torrente decisero di aiutarla: rosicchiarono il gambo della ninfea, così la foglia galleggiò via lungo il torrente e portò Mignolina lontano. Quando la foglia si avvicinò a riva, la bambina saltò giù, tutta infreddolita. Ormai si avvicinava l'autunno. Dopo aver camminato a lungo incontrò una vecchia talpa, che le offrì ospitalità e cibo, ma in cambio Mignolina avrebbe dovuto lavorare per lei e tenerle puli-
L'antagonista e l'aiutante: Mignolina