La spiaggia

E STAT E Racconta tu Scrivi le risposte sul quaderno. Z Secondo te che cosa ne avranno fatto le due protagoniste di tutti quei sassi? Z Ti è capitato di raccogliere e collezionare qualcosa in qualche luogo di vacanza? Z Ti ricordi il luogo in cui eri? Descrivilo sul quaderno. Per comprendere Z A che cosa vengono paragonati i sassi? Z Che cosa ha di particolare la spiaggia in cui si trovano le protagoniste? Z Che sentimento esprime verso il mare la protagonista? 164 La spiaggia Eccoci, siamo arrivate. Il mare è davanti a noi. Non c'è nessuno sulla spiaggia a quest'ora. Georgette e io incominciamo il nostro lavoro. Raccogliamo sassi. Li scegliamo con cura: piatti, larghi, lisci, di un bel colore omogeneo. Tondi, anzi tondissimi, grossi come un uovo, regolari. A forma di sigaro, sottili come bastoncini. Di forme strane: con buchi, incavi, fessure. E ne prendiamo di piccoli, di piccolissimi, di quasi invisibili. - Guarda, questi sembrano pastigliette alla menta. - E questi confetti allineati nel cassetto di un negozio di caramelle. Ne cerchiamo anche di grandi, di molto grandi. Qualche volta di grandissimi. Scegliamo anche i colori. Nessuna spiaggia ha sassi di colori più belli di questa. un posto speciale. una spiaggia di sassi colorati. Una spiaggia segreta. E il mare continua a portare sassi nuovi, con forme ancora più lisce, con colori ancora più belli. - Grazie, mare! - grido guardando le onde che vanno e vengono. G. Rondelli, Sulla spiaggia dei sassi colorati, Edizioni Messaggero Rifletto sulla lingua Z Sottolinea nel testo gli aggettivi qualificativi che si riferiscono ai sassi.
La spiaggia