Descrizione di paesaggi: da vicino a lontano: Nella savana

Il testo descrittivo Descrizione di paesaggi:da vicino a lontano Nella savana La nostra jeep viaggia veloce sulla pista appena visibile sollevando nuvole di polvere. Ed ecco all'improvviso il paesaggio mutare: davanti a noi una distesa a perdita d'occhio di erba alta e secca che ondeggia a ogni alito di vento. Qua e là solitarie acacie, dalla chioma simile a un ombrello aperto, interrompono l'uniformità del terreno, stagliandosi scure sulla distesa giallognola del manto erboso. Sulla destra la sagoma di un enorme baobab: un gigante buono a guardia della savana. Oltre la prateria, in lontananza, si intravedono le gobbe ondulate di un basso massiccio montuoso, come dorsi di elefanti distesi a terra. Sullo sfondo il sole al tramonto sembra un fuoco che brucia il cielo turchino con le sue fiamme rosse. Un ruggito arriva da lontano e un calpestio di zoccoli lo segue. Lo spettacolo offerto dalla natura ci lascia senza fiato! Adatt. da Nuovo Gulliver, marzo 2009, N˚ 110 Per comprendere Sottolinea nel testo i dati i dati visivi e i dati uditivi. Collega ogni elemento a ciò a cui viene paragonato nella descrizione. Chioma delle acacie. Baobab. Massiccio montuoso. Sole al tramonto. Fuoco che brucia (per il calore). Ombrello aperto (per la forma). Gigante guardiano (per l'altezza). Dorso degli elefanti (per le dimensioni). Esplora il testo Indica con una X la risposta corretta. La descrizione si riferisce: a un paesaggio reale. a un paesaggio fantastico. Nella descrizione si segue un ordine spaziale: dall'esterno all'interno. da vicino a lontano. da lontano a vicino. Evidenzia di verde gli indicatori di luogo riferiti alla posizione degli elementi presenti nel paesaggio descritto.
Il testo descrittivo Descrizione di paesaggi:da vicino a lontano Nella savana La nostra jeep viaggia veloce sulla pista appena visibile sollevando nuvole di polvere. Ed ecco all'improvviso il paesaggio mutare: davanti a noi una distesa a perdita d'occhio di erba alta e secca che ondeggia a ogni alito di vento. Qua e là solitarie acacie, dalla chioma simile a un ombrello aperto, interrompono l'uniformità del terreno, stagliandosi scure sulla distesa giallognola del manto erboso. Sulla destra la sagoma di un enorme baobab: un gigante buono a guardia della savana. Oltre la prateria, in lontananza, si intravedono le gobbe ondulate di un basso massiccio montuoso, come dorsi di elefanti distesi a terra. Sullo sfondo il sole al tramonto sembra un fuoco che brucia il cielo turchino con le sue fiamme rosse. Un ruggito arriva da lontano e un calpestio di zoccoli lo segue. Lo spettacolo offerto dalla natura ci lascia senza fiato!   Adatt. da Nuovo Gulliver, marzo 2009, N˚ 110 Per comprendere   Sottolinea nel testo i dati i dati visivi e i dati uditivi.   Collega ogni elemento a ciò a cui viene paragonato nella descrizione.  Chioma delle acacie.  Baobab.  Massiccio montuoso.  Sole al tramonto.  Fuoco che brucia (per il calore).  Ombrello aperto (per la forma).  Gigante guardiano (per l'altezza).  Dorso degli elefanti (per le dimensioni). Esplora il testo   Indica con una X la risposta corretta. La descrizione si riferisce:    a un paesaggio reale.    a un paesaggio fantastico. Nella descrizione si segue un ordine spaziale:   dall'esterno all'interno.    da vicino a lontano.    da lontano a vicino.  Evidenzia di verde gli indicatori di luogo riferiti alla posizione degli elementi presenti nel paesaggio descritto.