A lezione di nuoto

Emozioni di tanti colori A lezione di nuoto Era ora di andare a dormire. Paperotto l'indomani avrebbe avuto la prima lezione di nuoto. - Ho una strana sensazione nella pancia - disse Paperotto a mamma Anatra, mentre gli dava il bacio della buonanotte. - Non preoccuparti - rispose la mamma. - Chiudi bene gli occhi e vedrai che ti addormenterai. Paperotto chiuse gli occhi e provò a dormire, ma non faceva che pensare alla lezione. “E se vado sotto?” pensava preoccupato. Allora immaginò il sorriso di mamma Anatra. “Se lei sa galleggiare, forse ce la faccio anch'io” disse tra sé e sé. Paperotto chiuse gli occhi, ma proprio quando stava per addormentarsi ebbe un pensiero orribile. “E se qualcuno mi mangia le zampe?”. Poi rivide le anatre più grandi che facevano i tuffi nello stagno. “Loro non hanno paura di quello che c'è sott'acqua” pensò. “Allora perché dovrei averne io?” La mattina dopo Paperotto si chinò in avanti verso lo stagno e guardò timidamente l'acqua e… Rid. da N. Bortolotti, 365 storie e filastrocche per bambini, Gribaudo io scrivo Paperotto impara a galleggiare? Chi c'è a fargli coraggio e ad aiutarlo? Come si conclude la storia? Come si sente alla fine Paperotto? Parlo di me Quali sono le cose che ti fanno più paura?
Emozioni di tanti colori A lezione di nuoto Era ora di andare a dormire. Paperotto l'indomani avrebbe avuto la prima lezione di nuoto. - Ho una strana sensazione nella pancia - disse Paperotto a mamma Anatra, mentre gli dava il bacio della buonanotte. - Non preoccuparti - rispose la mamma. - Chiudi bene gli occhi e vedrai che ti addormenterai. Paperotto chiuse gli occhi e provò a dormire, ma non faceva che pensare alla lezione. “E se vado sotto?” pensava preoccupato. Allora immaginò il sorriso di mamma Anatra. “Se lei sa galleggiare, forse ce la faccio anch'io” disse tra sé e sé. Paperotto chiuse gli occhi, ma proprio quando stava per addormentarsi ebbe un pensiero orribile. “E se qualcuno mi mangia le zampe?”. Poi rivide le anatre più grandi che facevano i tuffi nello stagno. “Loro non hanno paura di quello che c'è sott'acqua” pensò. “Allora perché dovrei averne io?” La mattina dopo Paperotto si chinò in avanti verso lo stagno e guardò timidamente l'acqua e…  Rid. da N. Bortolotti, 365 storie e filastrocche per bambini, Gribaudo io scrivo  Paperotto impara a galleggiare?    Chi c'è a fargli coraggio e ad aiutarlo?    Come si conclude la storia?    Come si sente alla fine Paperotto?   Parlo di me  Quali sono le cose che ti fanno più paura?